Finanziati oltre 10 Milioni di euro! In 62 comuni rivoluzione sulla raccolta differenziata con nuovi vantaggi economici

 

Finanziati interventi per oltre 10.000.000 di euro.

La Giunta regionale infatti, nella seduta del 9 Novembre 2018, ha approvato la graduatoria degli interventi e, contemporaneamente, il secondo Avviso Pubblico per l’assegnazione di contributi finanziari in favore dei Comuni per la realizzazione o l’ampliamento dei “Centri Comunali di Raccolta”.

I centri di raccolta rappresentano l’infrastruttura principale per ottimizzare il sistema di raccolta differenziata ed apportare vantaggi economici notevoli attraverso una razionalizzazione della logistica.

A tal fine in Regione ho voluto puntare sulla possibilità di dare questo grande e capillare ammodernamento infrastrutturale.

Relativamente al primo Avviso Pubblico sono pervenute 71 istanze da parte di Comuni (anche in forma associata) e Unioni di Comuni.

Se si considera che 18 Comuni erano esclusi dalla partecipazione (perché già inclusi in altri programmi di finanziamento) il risultato è stato di grandissimo rilievo.

Sono state ammesse a finanziamento ben 45 istanze per un equivalente di 62 Comuni per un importo di circa 10.580.000 euro.

Delle 45 istanze ammesse 17 riguardano adeguamenti dei Centri di raccolta e 28 prevedono nuove realizzazioni.

Un risultato per cui abbiamo lottato e che va ben oltre le aspettative, segno che i tempi e le Amministrazioni locali sono pronte a cogliere tali nuove e innovative opportunità in materia di gestione dei rifiuti.

Al fine di estendere tale ammodernamento infrastrutturale si è voluto contestualmente proporre il secondo Avviso Pubblico per un importo di 3.900.000 euro.

Pertanto, i Comuni che sono stati esclusi dalla prima selezione e tutti gli altri che non hanno presentato istanza con il primo Avviso, potranno proporre domanda per accedere ai contributi per la realizzazione o l’ampliamento di “Centri Comunali di Raccolta” a supporto della raccolta differenzia dei rifiuti urbani.

I Centri Comunali hanno la funzione di integrare i servizi e gli impianti presenti nei comuni, contribuendo ad una prima evoluzione della qualità dei materiali da recuperare e riciclare con l’obiettivo di ridurre i rifiuti e migliorare il sistema di raccolta differenziata.

La rivoluzione che abbiamo messo in campo non è stata affatto semplice perchè ha toccato numerosi aspetti tra cui ricordo:

  • il nuovo Piano Regionale dei Rifiuti;
  • l’implementazione della piattaforma ORSO;
  • la recentissima nuova Legge Rifiuti;
  • le innovative misure di sostegno per migliorare le infrastrutture dei centri di raccolta;
  • i piccoli impianti di compostaggio (che hanno visto una partecipazione molto importante da parte dei Comuni e le cui proposte sono già in istruttoria).

Le domande dovranno essere presentate entro 30 giorni dalla data di pubblicazione della DGR, con le modalità riportate nell’Avviso.

Ricordo anche che il programma è stato finanziato con i fondi del PO – FESR Basilicata 2014 -2020 – Asse V “Realizzare i migliori sistemi di raccolta differenziata ed un’adeguata rete di centri di raccolta”.

Tutelare la nostra amata e bellissima Basilicata continuerà ad essere, come sempre, la mia priorità per la quale varrà sempre la pena lottare.

Francesco Pietrantuono