In Basilicata NO al petrolio e più potere ai cittadini per realizzare un futuro sostenibile! Ecco come

Come ho più volte evidenziato nella nostra amata Basilicata dobbiamo impegnarci per un futuro sempre più sostenibile quindi ricapitolando:

  1. abbiamo ribadito l’incompatibilità totale ad ogni forma di sfruttamento petrolifero in mare;
  2. abbiamo ribadito che in Basilicata non si trivella e, anzi, abbiamo dato il via a 3 nuovi progetti per Melfi, Potenza e Matera a sostegno delle rinnovabili;
  3. abbiamo ribadito che se l’azienda petrolifera Total pensa di comprarci o ricattarci ha sbagliato di grosso.

Continuando coerentemente con quanto detto e fatto oggi raggiungiamo un altro importantissimo traguardo per tutti i cittadini lucani (a dispetto di quanti vorrebbero più petrolio e più inquinamento per tutti).

È infatti stato avviato il processo di modernizzazione dei rifiuti in quanto sono online tutti i dati sulla gestione.

L’Osservatorio Rifiuti Sovraregionale (denominato ORSo) è uno strumento infatti che rende trasparenti e chiari i dati per tutti i cittadini.

Sul portale del Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Piano Regionale di Gestione Rifiuti che trovi a questa pagina ci sono sempre disponibili i dati sulla produzione e gestione dei rifiuti in Basilicata del 2017.

Gli obiettivi di questo sistema sono:

– rivelare le tendenze e monitorare gli effetti delle diverse strategie di gestione;

– tracciare un’analisi dell’efficacia del sistema di gestione del ciclo integrato dei rifiuti urbani;

– garantire la massima trasparenza sulle tematiche connesse alla tutela ambientale;

– organizzare le informazioni in modo da garantire la comparabilità e l’affidabilità dei dati provenienti da enti differenti;

– dare strumenti utili alla creazione di report su base geografica.

I dati sono stati raccolti (in ottemperanza alla DGR 1163 del 03/11/2017) con l’Osservatorio Rifiuti Sovraregionale (sistema O.R.So) e grazie a “un’applicazione web-based” si ottiene il monitoraggio completo delle informazioni in possesso dei comuni e dei soggetti gestori degli impianti sulla produzione e gestione dei rifiuti urbani.

Questo è il frutto dell’ottimo lavoro dell’Ufficio Prevenzione e Controllo Ambientale del Dipartimento realizzato grazie alla collaborazione di EGRIB, Province e Comuni (che ringrazio di cuore per il risultato raggiunto).

Con l’uso di questo sistema si dispone di numerosissimi dati inerenti:

  1. produzione e gestione dei rifiuti urbani;
  2. organizzazione dei servizi di raccolta;
  3. presenza di infrastrutture per la raccolta differenziata;
  4. diffusione del compostaggio domestico;
  5. quantitativi dei rifiuti ritirati e gestiti dagli impianti di trattamento;
  6. recupero e smaltimento;
  7. quantitativi di materia prodotti ed energia recuperata.

In questo primo anno di sperimentazione si sono messe a punto le nuove metodologie di raccolta informazioni e di pubblicazione e si è registrata, come è normale che sia all’inizio, qualche piccola imperfezione che sarà possibile superare con l’aggiornamento costante di alcuni software.

Il sistema O.R.So è quindi un tassello fondamentale del processo di modernizzazione della Basilicata nel settore della gestione di rifiuti che, con l‘approvazione del PIANO prima e della Legge poi, apre la strada ad una programmazione e gestione sempre più chiara ed efficiente.

Grazie alla piattaforma quindi ogni cittadino potrà verificare direttamente i dati sulla produzione e gestione dei rifiuti che riguardano il proprio comune.

Invece che di altri pozzi di petrolio e compagnie petrolifere (ai quali mi oppongo con tutti i mezzi a disposizione) per una Basilicata sempre più innovativa e rispettosa dell’ambiente collaborando tutti insieme, con impegno e dedizione, non si può far altro che andare avanti!

Francesco Pietrantuono